Perché l’e-commerce non è una minaccia ma una “opportuna-necessità”

Amazon contro Google quando entra in una nuova era di commercio online-offline. Mentre Amazon diventa l’ultima generazione di omnichannel, i rivenditori tradizionali sono in un incrocio esistenziale.
Il grande vantaggio che i rivenditori tradizionali avevano su Amazon era la disponibilità e l’immediatezza dei negozi. Puoi vedere e toccare i prodotti e portarli a casa nello stesso giorno. Puoi restituire i prodotti più comodamente che spedirli nuovamente a Amazon.
Nel corso del tempo, tuttavia, Amazon ha eliminato questi vantaggi con Prime, Prime Now, Lockers, ritorni prepagati e, infine, con i suoi quasi 14 miliardi di dollari di Whole Foods. La prima giornata completa del controllo di Amazon sulla catena di fascia alta ha ridotto i prezzi del 40% e ha iniziato a vendere dispositivi Echo nei negozi di Whole Foods.
Siamo in un smartphone / assistente virtuale adesso – e Amazon sta vincendo. I membri di Amazon Prime vedranno prezzi aggiuntivi e altri vantaggi in Whole Foods. Prezzi ridotti e vantaggi Prime porteranno nuovi clienti in Whole Foods e aggiungeranno nuove prime associazioni, rafforzando la fedeltà sia a Amazon che a Whole Foods.

Altre catene di generi alimentari dovrebbero essere molto, molto impauriti.

Amazon probabilmente utilizzerà anche i negozi Whole Foods per altri scopi oltre a vendere dispositivi Echo. Ad esempio, i 400+ negozi potrebbero facilmente (e probabilmente) diventare centri di ritorno di Amazon.

In alcuni modi, Amazon è ora l’ultima generazione di omnichannel – nessun altro rivenditore singolo o società internet può corrispondere alla sua infrastruttura o distribuzione. Solo un piccolo numero di aziende, tra cui Google e Facebook, rivaleggiano Amazon in forza di marca e affinità dei consumatori.

L’acquisizione di Whole Foods è un momento topico per i rivenditori che stanno soffrendo da anni per il declino del traffico e altre minacce. Saranno costretti a fare alcune mosse drammatiche – altrimenti spariranno. Un esempio di questo tipo è l’alleanza vocale di Walmart con Google Assistant e Google Home. È sia una mossa offensiva che una mossa difensiva per Walmart.

Tutto ciò indica qualcosa di più grande per la vendita al dettaglio tradizionale: la necessità di abbracciare maggiormente Google e Facebook come partner e canali per competere con Amazon. (Alcuni rivenditori potrebbero voler vendere anche attraverso Amazon). Anche se questo non sarà sufficiente, ora è necessario.

Google e Google Express potrebbero diventare presto un miglior amico di un rivenditore. Whole Foods fa parte del roster di Google Express, ma potrebbe non essere a lungo.

L’inventario locale è ancora un’arma significativa che il retail tradizionale ha su Amazon. Tuttavia, l’inventario locale non è esposto uniformemente. Immagino che vedremo molti altri rivenditori che adottano gli annunci di inventario locale di Google e oltre questo, utilizzando una gamma più ampia di strumenti che Google e Facebook offrono per la visibilità e il targeting. Ad esempio, dovrebbero utilizzare analytics visitation store per collegare gli annunci online al traffico nei negozi.

Devono inoltre migliorare l’esperienza in-store, enfatizzare il servizio, migliorare i siti / applicazioni mobile e offrire programmi di fedeltà. In breve, i rivenditori tradizionali saranno costretti a intensificare gli investimenti se vogliono sopravvivere.

Dove i rivenditori potrebbero essere stati ambivalenti a dare i loro dati a Google, ora hanno poca scelta. Il nemico del mio nemico è mio amico.

Con Amazon che attraversa l’accesso al mondo reale, è necessario eseguire senza esitazione. È arrivato un momento esistenziale.

Amazon Prime Wardrobe: prova prima di comprare