Cos’è la Balanced Scorecard

balanced scorecard in sanita

balanced scorecard in sanita

La Balanced Scorecard e’ il sistema di gestione utilizzato dalle organizzazioni moderne (aziende private, no profit, enti pubblici e pubblica amministrazione) per gestire l’impresa in ottica strategica.

Il concetto di balanced scorecard (BSC) rientra all’interno del processo di misurazione e gestione della performance aziendale.

Kaplan teorizza la balanced scorecard per rispondere all’esigenza dei diversi stakeholder che ruotano attorno all’organizzazione:

1. azionisti
2. clienti
3. dipendenti
4. comunita’

al fine di creare valore nell’interesse di tutti.

Con la BSC le strategie vengono tradotte in piani operativi e le performance finanziarie vengono affiancate da obiettivi non numerici.

Il sistema di definizione della strategia viene articolato in 5 fasi:

1. strategia: le cosiddette mission/vision aziendali costituiscono la base di partenza sulla quale viene sviluppata la strategia aziendale, ponendo attenzione anche ai punti di forza e di debolezza e all’ambiente competitivo (rappresentata dalla cosiddetta matrice SWOT)
2. il management traduce la strategia cosi’ definita in obiettivi utilizzando le mappe strategiche (raggruppando gli obiettivi per temi omogenei e legandoli a dei parametri di performance (kpi)
3. sviluppo del piano operativo attraverso la definizione di una serie di piani (di vendita, risorse e capacita’) utilizzando gli strumenti dei budget dinamici
4. vengono quindi analizzati i dati (operativi, ambientali e competitivi) valutando i progressi compiuti e gli eventuali aspetti negativi che dovranno essere migliorati (in un processo circolare)
5. la fase finale prevede l’analisi e il confronto della strategia con i costi, la redditivita’ e le correlazioni tra strategia e performance

La valutazione delle performance dell’impresa deve comprendere, secondo questo approccio, 4 prospettive: 1. prospettiva finanziaria
2. prospettiva del cliente
3. prospettiva dei processi interni
4. prospettiva dell’apprendimento

Per ciascun aspetto vengono individuati:
1. gli obiettivi
2. le misure: intesi come strumenti da utilizzare per quantificare gli obiettivi
3. i bersagli: sono i valori-obiettivo delle misure
4.le iniziative: azioni da intraprendere per raggiungere gli obiettivi.


La Balanced Scorecard nelle Aziende Sanitarie

Le aziende sanitarie per loro specificità’ sono caratterizzate da elevate complessità’ organizzativa e ambientale, superiore alle organizzazioni private. Gli obiettivi da raggiungere sono molteplici e a volte in conflitto tra di loro.

La balanced scorecard in sanità’ e’ una risposta a queste complessità’ al fine di raggiungere gli obiettivi strategici. Gli indicatori di carattere puramente economico-finanziario, tipici dei metodi tradizionali di misurazione e valutazione delle prestazioni, nel contesto attuale risultano inadeguati a misurare gli obiettivi prefissati.

Con la Balanced Scorecard (sistema di valutazione strategico) le strategie vengono trasformate in un insieme bilanciato di indicatori (finanziari e non) correlati tra loro.

Robert Kaplan e David Norton pubblicarono sull’Harvard Business Review l’articolo dal titolo “The Balanced Scorecard. The measure that drive Performance”: “… la Balanced Scorecard e’ la traduzione della strategia aziendale in una serie coerente di misurazioni che definiscono gli obiettivi a lungo termine e i meccanismi per raggiungerli …”. Il modello ha una visione multidimensionale e “bilanciata” delle diverse componenti che contribuiscono alla gestione aziendale.

Le criticità’ e limiti della balanced scorecard in sanità’ sono: – la complessità’ nella scelta degli indicatori – il loro bilanciamento – i tempi di applicazione a medio-lungo termine.

L’utilizzo della Balanced Scorecard in Italia e’ ancora abbastanza limitato, anche se l’interesse a questo approccio di pianificazione e controllo e’ sempre più in crescita, compreso il settore pubblico e sanitario in particolare. La Balanced Scorecard permette all’organizzazione di descrivere la propria visione e la propria strategia e di comunicarla in termini di obiettivi, iniziative e misure, attraverso un processo che coinvolge tutti i dipendenti.

La BSC misura le performance aziendali secondo quattro prospettive che sono le determinanti del successo competitivo: – La prospettiva economico-finanziaria – La prospettiva della soddisfazione del cliente (la più critica in ambito sanitario) – La prospettiva dei processi interni – La prospettiva della crescita e innovazione Le quattro prospettive devono essere collegate e integrate e l’analisi deve comprendere una loro lettura complessiva.

L’organizzazione deve essere tutta coinvolta nel processo di formulazione della BSC (dal manager all’opeativo) Operativamente per definire una BSC si parte dalla mission e della vision aziendale e si individuano le Key Performance Area (KPA) cioe’ gli ambiti su cui misurare i livelli di performance, traducendole attraverso una mappa strategica. La mappa strategica permette di identificare le relazioni causa-effetto, individuando le relazioni tra le variabili ed i fattori che incidono sulle performance.

Si individuano quindi i Key Performance Indicator (KPI): indicatori-chiave che servono a monitorare il livello di raggiungimento delle performance (definite per ogni KPA individuata) ed il target da raggiungere attraverso azioni finalizzate. La BSC contiene indicatori di misura dei risultati finali (indicatori lag) e driver della performance (indicatori lead): gli indicatori di tipo lagging descrivono l’effetto, il risultato dell’utilizzo delle leve di azione, mentre quelli di tipo leading indicano quanto vengono utilizzate le leve.

Per permettere tutto questo, ogni indicatore deve essere espresso in termini quantitativi e gli stessi indicatori devono essere costantemente monitorati, al fine di intraprendere le eventuali azioni correttive. Ne deriva che il sistema informatico e’ fondamentale per un corretto utilizzo della BSC.

Nell’adottare la BSC in ambito sanitario, la prospettiva economico-finanziaria dovra’ tendere non al profitto ma al pareggio di bilancio, mentre la prospettiva più critica e’ quella di coloro che ricevono il servizio prestato (pazienti). Il Dipartimento e’ l’unita’ strategica che presidia l’implementazione della BSC nelle aziende sanitarie (pubbliche e private). Per adottare la Balanced Scorecard in un’azienda sanitaria con dipartimenti anche molto diversi tra loro, si prevede una struttura comune e tante BSC una per ogni dipartimento, attivando un meccanismo a cascata che consente a tutti gli operatori di lavorare coerentemente per il raggiungimento degli obiettivi strategici aziendali e interiorizzando la strategia aziendale.

La BSC integra quindi il processo di budgeting (prospettiva economico-finanziaria di breve periodo) in un’azienda sanitaria, portando la prospettiva a lungi termine e gli obiettivi anche di natura non monetaria.